HomeMondoCome ha funzionato l'accordo sul grano tra Ucraina e Russia

Come ha funzionato l’accordo sul grano tra Ucraina e Russia

Ci sono state molte parti in movimento nell’accordo che consente l’esportazione di grano dai porti ucraini che la Russia ha dichiarato sabato che avrebbe sospeso a tempo indeterminato.

Perche il grano ucraino e rimasto bloccato all’interno del paese?

Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, ha schierato navi da guerra lungo la costa ucraina del Mar Nero. L’Ucraina ha estratto quelle acque per scoraggiare un attacco navale russo. Cio significava che i porti utilizzati per esportare il grano ucraino erano bloccati per le spedizioni commerciali. La Russia ha anche rubato scorte di grano, estratto campi di grano in modo che non potessero essere raccolti e distrutto strutture di stoccaggio del grano.

Come ha funzionato l’operazione?

I capitani ucraini guidavano navi cariche di grano fuori dai porti di Odesa, Yuzhne e Chornomorsk.

Un centro di comando congiunto con funzionari di Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite e stato istituito a Istanbul per monitorare ogni movimento delle flottiglie.

Le navi si sono dirette nelle acque turche, per essere ispezionate da un team congiunto di funzionari turchi, delle Nazioni Unite, ucraini e russi, quindi hanno consegnato il loro carico a destinazioni in tutto il mondo, tornando per un’altra ispezione da parte del team congiunto prima di tornare in Ucraina.

L’accordo specificava che la responsabilita primaria della squadra d’ispezione era di controllare “merci e personale non autorizzati a bordo delle navi in ‚Äč‚Äčentrata o in uscita dai porti ucraini”. Una delle principali richieste russe era che le navi di ritorno non trasportassero armi in Ucraina.

Le parti hanno convenuto che le navi e le strutture portuali utilizzate per le loro operazioni sarebbero state salvaguardate dalle ostilita.

L’accordo doveva essere valido per 120 giorni, con scadenza il 19 novembre. Le Nazioni Unite hanno affermato che, a partire da questa settimana, avevano consentito l’esportazione di oltre 9 milioni di tonnellate di grano e altri prodotti alimentari. Secondo i dati delle Nazioni Unite, piu di 790 viaggi merci – 395 in entrata e 399 in uscita – sono stati autorizzati.

Cosa c’era per la Russia?

La Russia e anche uno dei principali esportatori di cereali e fertilizzanti e l’accordo ha facilitato la vendita di tali beni sul mercato mondiale.

Il Cremlino ha ripetutamente affermato che le sue scorte non possono essere esportate a causa delle sanzioni imposte da Stati Uniti e Unione Europea.

Le misure in realta non hanno influito su tali merci, ma le compagnie di navigazione private, assicuratori, banche e altre imprese sono state riluttanti ad aiutare la Russia ad esportare cereali e fertilizzanti, temendo che potessero incorrere in sanzioni o che fare affari con la Russia potesse danneggiare la loro reputazione .

Offrendo rassicurazione, l’Unione Europea il 21 luglio ha emesso un chiarimento legale sulle sue sanzioni, affermando che diverse banche e altre societa coinvolte nel commercio di cereali non erano state effettivamente bandite.

Ma nelle ultime settimane, la Russia ha suggerito che potrebbe rifiutarsi di estendere l’accordo se le richieste di Mosca sulle sue esportazioni di cibo e fertilizzanti non fossero state soddisfatte.

Che succede ora?

La Russia ha dichiarato che sospendera la partecipazione all’accordo sul grano per un periodo indefinito. Le Nazioni Unite hanno dichiarato di essere in contatto con Mosca e hanno esortato le esportazioni a continuare.

“E fondamentale che tutte le parti si astengano da qualsiasi azione che possa mettere in pericolo la Black Sea Grain Initiative, che e uno sforzo umanitario fondamentale che sta chiaramente avendo un impatto positivo”, ha affermato Stephane Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite.

RELATED ARTICLES

Most Popular